Il Cavatello Molisano


Il cavitello molisano

Sono appena tornato dalle mie vacanze e mi e venuta la voglia di scrivere qualcosina sul mio amato Molise.

Il Molise è una piccola regione dove la popolazione è fortemente radicata alle tradizione, è una regione così piccola che in pochi chilometri troviamo mare e montagna.

Troviamo una vasta gamma di prodotti che vanno dal caciocavallo alla mozzarella, dal tartufo all’olio extra vergine di oliva, dagli insaccati, come la ventricina di Tavenna , dal calzone di San Giuseppe, dolce tipico di Riccia che viene preparato solo 19 marzo in occasione della festività di San Giuseppe alla cicerchiata di Larino.

 

La cucina Molisana è caratterizzata da due distinte aree gastronomiche:

  • la zona costiera con Termoli e Campomarino con una cucina prevalentemente marinara;
  • la zona appenninica, Isernia, Campobasso, Capracotta con le sue rinomate carni e i suoi caseifici.

Però c’e’ una pietanza che la troviamo in tutto il Molise: il Cavatello.

 

Il Cavatello Molisano, da non confondere con il cicatello o cavatello pugliese (per carità, ottimo, ma il cavatello molisano è tutto un’altra storia…) fanno parte del patrimonio gastronomico molisano da secoli e sono inseriti tra i Prodotti Agroalimentari Tradizionali Molisani.

Sono degli gnocchetti dalla forma allungata e concava. Tradizionalmente sono fatti a mano, grazie alla maestria delle massaie. Le casalinghe impastano la farina con acqua fino ad ottenere un panetto liscio, omogeneo ed elastico, lo dividono in tanti panetti più piccoli e lo formano a mo’ di grissini, dal quale tagliano tanti pezzetti più piccoli da circa due centimetri.

A questo punto ogni pezzettino di pasta viene trascinato e incavato nella spianatoia, normalmente di legno, con le punta delle dita (indice e medio). Dopo questa operazione è pronto per incontrare i condimenti più diversi.

Tradizionalmente i cavatelli vengono serviti con un sugo di puntine di maiale e salsiccia, (in dialetto molisano ciufoli chi tricchiulelle e savicicc). Lo so, non è una ricetta dietetica ma a me fa ricordare i “pranzi della domenica” di quando ero bambino. Mia madre li prepara cosi:

La sera precedente mia mamma prepara i cavatelli (ciufoli) e la mattina presto iniziava a fare il “ sugo”…

Per prima cosa tritava e poi rosolava in olio rigorosamente extra vergine, sedano, carote e cipolle, poi univa le puntine di maiale (tricchiulelle) e la salsiccia fresca, rosolava e sfumava con il vino rosso, lasciava evaporare e aggiungeva la passata di pomodoro rigorosamente fatta in casa, e metteva a cuocere la salsa sulla stufa a legna per circa 3 ora se non di più.

 

Mi ricordo che quando mi alzavo la mattina, dopo una nottata trascorsa tra amici a fare baldoria per il paese… la casa profumava di sugo.

Attualmente i cavatelli molisani si trovano anche in commercio, per lo più vengono prodotti da piccoli laboratori artigianali. Uno fra tutti è il Pastificio Spighe Molisane nato nel 2002 a Cercemaggiore in provincia di Campobasso nel cuore del Molise. Oltre a produrre il classici cavatelli cercesi sono specializzati nella produzione di paste artigianali trafilate in bronzo e non, fresche e secche. Per chi fosse interessato può consultare il sito web.

Parlando con l’amministratore del Pastificio Spighe Molisane Srl, Lina Petraglione, mi ha spiegato come avvengono la produzione dei vari formati e di come la sua azienda si sta espandendo nel mercato estero. Attualmente stanno iniziando a esportare il loro prodotti in tutta Europa e anche altre oceano negli Stati Uniti.

Quest’anno sono stati presenti anche la CIBUS di Parma e per chi è a Dubai e ha voglia di toccare con mano i cavatelli, il pastificio sarà presente al Speciality Food Festival di Dubai dal 9 al 11 novembre.

Giulio Ciccotelli

Executive Italian Chef

Islamabad Marriott Hotel



Categorie:By Giulio Ciccotelli

Tag:

2 replies

  1. Giulio gentilmente aggiornami il sito web che così non indirizza gli utenti sul mio sito.

Trackbacks

  1. Il Cavatello Molisano | Giulio Ciccotelli

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: