Dubai avrà un sindacato di categoria


Dubai

In Italia crediamo di essere sempre superiori a tutti, guardiamo sempre gli altri con diffidenza, parliamo male sempre dei Paesi Arabi ma gratta gratta alla fine non sono poi così male.

Dobbiamo ancora  farne di strada prima che impariamo a salvaguardare i diritti dei lavoratori del settore alberghiero, ma noi stiamo bene così, che c’e ne frega dei sindacati, mentre noi dormiamo e litighiamo nei salotti romani a Dubai è nato il sindacato dell’Hospitality, che mira a posizionare gli Emirati Arabi Uniti come un leader mondiale nei servizi di ospitalità, e ha annunciato il via alla seconda edizione del campionato Hospitality Dubai World (DWCT). Si spera di ottenere questo risultato sviluppando le competenze e le capacità delle persone coinvolte nelle industrie dell’ospitalità e gastronomiche fornendo loro, la migliore formazione in conformità con gli standard globali.

Lanciato sotto le direttive di Shaikh Hamdan Bin Mohammad Bin Rashid Al Maktoum, principe ereditario di Dubai, il sindacato mira a rendere il settore dell’ospitalità locale competitivo in ambito internazionale. Il sindacato inoltre faciliterá lo scambio di esperienze e idee in materia di cooperazione e di comunicazione internazionale. Ahmad Bin Hareb Al Falahi, presidente di DWHC, ha detto che il sindacato è l’obiettivo finale del campionato, soprattutto dopo che gli Emirati Arabi Uniti hanno vinto la gara per ospitare l’Expo 2020 e quindi si prevede di ospitare milioni di visitatori. Il settore alberghiero ha un ruolo importante nel rafforzare il settore del turismo degli Emirati Arabi Uniti. “Il sindacato sosterrà tutti gli sforzi volti a promuovere l’ospitalità locale, nel settore del business globale, media e operatori del turismo“, ha detto.

Nel corso di una conferenza stampa, hanno dichiarato che la seconda edizione del campionato  si terrà dal 30 ottobre – 3 novembre 2014 presso il Dubai Trade Centre. Il campionato, organizzato da Za’beel Palace Hospitality, si concentrerà sulla promozione degli Emirati e dei cittadini del Golfo e sul mostrare le loro abilità di cucina promuovendo i loro prodotti durante l’evento. Quest’anno alla mostra, che comprenderà 400 stands con prodotti per la casa e prodotti creativi, sono previsti 30.000 visitatori.

L’evento prevede programmi, attività e concorsi evidenziando l’autentica cucina che rappresenta la cultura degli Emirati. DWHC si compone di cinque concorsi. Majid Saqr Al Merri, Direttore del settore alberghiero e del Concorso Internazionale, ha detto che in totale 12 squadre parteciperanno al Concorso Internazionale: Emirati Arabi Uniti, Bahrain, Arabia Saudita, Kuwait, Qatar, Oman, Egitto, Giordania, Libano, Tunisia, Algeria e Marocco. Un totale di 1.000 cuochi, che lavorano in alberghi e ristoranti negli Emirati Arabi Uniti. Ci saranno 21 categorie, tra cui sculture di neve, forme a base di zucchero, scultura di cioccolato e torte nuziali. Per quanto riguarda la competizione, Al Merri ha detto che si compone di quattro categorie: cucina tradizionale, professionisti, dilettanti e giovani. Ci sará anche un concorso solo per gli Emirati e comprenderà sette squadre composte da dieci partecipanti provenienti da ognuno dei sette emirati che si sfideranno con la preparazione di dieci piatti locali. Esso comprende anche quattro categorie – cucina tradizionale, cucina professionale, cucina come un hobby, e cucina per i bambini.

Mentre l’Emirati Heritage Village, che fa parte del campionato, avrà 115 stands dove le persone potranno imparare di più sulla cultura degli Emirati Arabi Uniti, e un stand dove chef internazionali forniranno dimostrazioni. Nella manifestazione di quest’anno ci saranno anche nuove attività presso il villaggio come per esempio poesia, recitazione, e altre attività culturali e folcloristiche.



Categorie:By Emanuele Esposito

Tag:,

2 replies

  1. Cari Signori
    Ovviamente non siamo al corrente dell esercito schiavi nei cantieri a Dubai
    Non li permettono menache di lasciare il paese
    Informiamoci molto bene
    Prima
    Di elogiare uno stato che solo per evidente marketing di se stesso
    Scrive e fa finta si avere un sindacato

    Basta scrivere su google e vengono fuori un sacco di articoli
    Saluti

    • Cari Signori
      Ovviamente non siamo al corrente dell esercito schiavi nei cantieri a Dubai
      Non li permettono neanche di lasciare il paese
      Informiamoci molto bene
      Prima
      Di elogiare uno stato che solo per evidente marketing di se stesso
      Scrive e fa finta si avere un sindacato

      Basta scrivere su google e vengono fuori un sacco di articoli
      Saluti

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: