In ricordo della mia nonna paterna


Ciao ragass,

Mi sembrava giusto per parcondicio, raccontare anche un ricordo della mia nonna paterna conosciuta in tutta la mia città (ndr Arona -NO) come la Malavasi, dal suo cognome da nubile.

Donna possente, molto forte fisicamente e di fiera tenacia, una degna “testona” della famiglia Bellodi.

Da come ricordo, lei ha sempre lavorato in cucina apprendendo l’arte della sfoglina da piccola grazie alle sue origini mantovane. Nata sempre a contatto con i magnifici prodotti che la terra dava, nonostante la guerra,  ha coltivato una grande passione per la cucina semplice e tradizionale.

Dopo la fine della guerra,  con mio nonno, si sono spostati a Sesto Calende prima e poi ad Arona dove hanno aperto una salumeria e gastronomia per 46 anni.

È proprio in quella “bottega” dove io son cresciuto, ho imparato come si girava un arrosto!

Tanti sono i ricordi culinari, dalla torta sbrisolona, al Parmigiano Reggiano in forma aperto davanti ai miei occhi, a come cucinare il ragù,  quello buono buono  eheh…..

Un piatto che rimarrà sempre nel mio cuore sono i “turtei cun la zuca”

Divini, prelibatezza per pochi! Cominciava con la pasta, e quel mattarello lungo un metro e mezzo a spianare la sfoglia fatta di tante uova. Alle volte mi stufavo a vedere quanto tempo ci metteva a stirare la pasta, ma che arte, che vigore e che risultato alla fine; porosa, morbida e con un profumo unico tanto da mangiarla cruda!

Il ripieno, l oro. La scelta della zucca era fondamentale,  gialla e matura, dolce e profumatissima.

Tagliata a pezzi e cotta in forno con vino bianco e burro. Una volta cotta e raffreddata veniva passata con gli amaretti e dell estratto di senape che si comprava solo in farmacia, sale, noce moscata,  parmigiano e uova.

Iniziava cosi l arte del fare i tortelli, mani esperte, veloci e tutti i dalla forma uguale.

Ne produceva tanti, io e i miei cugini ne andavamo matti.

Cotti in acqua salata e serviti con del pomodoro e Parmigiano.

Voilà,  il gioco era fatto e i bimbi e non solo erano super felici.

Viva la nonna, viva le nonne e con noi i ricordi, i valori e le tradizioni che devono continuare.

Alegher

Mauro Bellodi

Executive Chef The Westin Resort Nusa Dua Bali



Categorie:by Mauro Bellodi

Tag:, , , , , , , , , , ,

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: