Principi nutritivi :la traduzine in alimenti





Principi Nutritivi: la traduzione in alimenti

 

Si parla sempre di principi nutritivi quando si è nel settore alimentare, ma a cosa servono i principi nutritivi? e in che modo possiamo assumerli con facilità?

L’uomo, si sa, mangia “alimenti” e non “principi nutritivi”, vediamo di trovare un metodo che renda più facile la scelta dei cibi con i quali comporre agevolmente un’alimentazione corretta e completa. I principi nutritivi sono presenti in tutti gli alimenti, ma in qualità diversa l’uno dall’altro. Non esiste quindi “l’alimento completo” che contenga tutti i principi nutritivi nelle quantità che ci sono necessarie. Si può anche aggiungere che nessun alimento è strettamente indispensabile, in quanto qualunque prodotto può essere sostituito da un altro di valore nutritivo simile. Di conseguenza, per assicurarsi senza problemi ogni giorno le qualità consigliate di principi nutritivi è sufficiente mangiare in modo variato, scegliendo tipi differenti di alimento secondo pochi e semplici criteri. Allo scopo di facilitare questa operazione possiamo considerare gli alimenti suddivisi in cinque gruppi, secondo le loro caratteristiche nutritive principali. Per assicurarsi un’alimentazione corretta è sufficiente fare in modo che quotidianamente ogni gruppo sia rappresentato sulle nostra tavola da almeno una porzione di cibi che ne fanno parte, avendo cura anche di variare abitualmente le scelte nell’ambito di ciascun singolo gruppo, alternando i vari cibi nei diversi pasti della giornata.

Ecco una sintesi delle qualità nutritive e delle modalità d’uso dei 5 gruppi di alimenti:

Il gruppo cereali-tuberi comprende: pane, pasta, riso, altri cereali minori quali mais, avena, orzo, farro oltre che patate. Questi alimenti costituiscono per l’uomo la più importante fonte di amido e quindi di carboidrati e di energia facilmente utilizzabile. I cereali e derivati, in particolare, apportano buone quantità di vitamine del gruppo B nonché di proteine che, pur essendo di scarsa qualità, possono, se unite a quelle dei legumi, dare origine ad una miscela proteica di valore biologico paragonabile a quello delle proteine animali. Sono da preferire, in linea generale, i prodotti meno raffinati, in quanto più ricchi di fibra in maniera naturale.

 

Il gruppo costituito da frutta e ortaggi comprendente anche legumi freschi, rappresenta una fonte importantissima di fibra, di provitamina A (presente soprattutto in carote, peperoni, pomodori, albicocche, meloni, ecc.), di vitamina C (presente soprattutto in agrumi, fragole, kiwi, pomodori, peperoni, ecc.), di altre vitamine e dei più diversi minerali (di particolare importanza il potassio). Da sottolineare anche la rilevante presenza, in questo gruppo, di componenti minori, come gli antiossidanti, che svolgono una preziosa azione protettiva contro le malattie. Gli alimenti di questo gruppo, grazie alla loro grande varietà e alla differente produzione stagionale, consentono le più ampie possibilità di scelta ed è opportuno che siano sempre presenti in abbondanza sulla tavola, a cominciare eventualmente anche dalla prima colazione.

 

Il gruppo latte e derivati comprende: il latte, lo yogurt, i latticini ed i formaggi. La funzione principale del gruppo è quella di fornire calcio, in forma altamente assimilabile. Gli alimenti di questo gruppo contengono, inoltre, proteine di ottima qualità ed alcune vitamine (soprattutto B2 e A). Nell’ambito del gruppo sono da preferire il latte parzialmente scremato, i latticini e i formaggi meno grassi

 

 

Il gruppo carne, pesce e uova ha la funzione principale di fornire minerali (in particolare zinco, rame e ferro altamente assimilabile), oltre a proteine di ottima qualità biologica, vitamine del gruppo B, ecc. Nell’ambito del gruppo sono da preferire le carni magre (siano esse bovine, avicole, suine, ecc.) e il pesce. Va invece moderato, per quanto riguarda la quantità, il consumo di prodotti a maggiore tenore in grassi. Per le uova, infine, un consumo accettabile per soggetti sani e quello di 2-3 alla settimana. In questo gruppo è conveniente, da un punto di vista nutrizionale, includere i legumi secchi (fagioli, ceci, piselli, lenticchie, ecc.), ampliando così la possibilità di scelte e di alternative. Ciò perchè, oltre a rilevanti quantità di amido e di fibra, forniscono anch’essi quei nutrienti principali che sono caratteristici della carne, del pesce e delle uova, come ferro, altri minerali e notevoli quantità di proteine di buona qualità biologica.

 

Il gruppo dei grassi di condimento comprende: tanti grassi di origine vegetale quanti quelli di origine animale. Il loro consumo deve essere contenuto, sia perchè i grassi costituiscono una fonte concentrata di energia sia perchè alcuni di essi concorrono a provocare un aumento del livello di colesterolo nel sangue, che favorisce i processi dell’aterosclerosi. Va comunque tenuto presente il loro ruolo nell’esaltare il sapore dei cibi e nell’apportare gli acidi grassi essenziali e le vitamine liposolubili, delle quali favoriscono anche l’assorbimento. E’ bene preferire quelli di origine vegetale (in particolare l’olio extravergine di oliva) meglio se usati a crudo, e consumati con moderazione quelli di origine animale (come burro, panna, lardo, strutto, ecc.). Evitare la riutilizzazione di oli e grassi già cotti.

 

Gabriele Trovato

http://melansana.wordpress.com

Advertisements


Categorie:Gabriele Trovato

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: