Allergie alimentari, ma quanta confusione…


20120309-124932.jpg

Allergie alimentari, ma quanta confusione……

Leggendo diverse e-mails arrivate al CIM nelle settimane passate mi sono resa conto di quanta confusion c’e sulle allergie alimentari…..in pratica si fa in fretta a dire “sono allergico a……” senza sapere che in realta’ le allergie sono, in un certo senso rare quanto le intolleranze sono inveci molto comuni e a volte persino casuali avvelenamenti da cibo possono essere confuse con allergie o intolleranze avendo a volte sintomi simili.

Dunque esattamente cos’e’ l’allergia?

“L’allergia alimentare è una reazione abnorme ed immediata verso un alimento scatenata dal sistema immunitario. Più in dettaglio, il sistema immunitario produce un anticorpo IgE verso un dato alimento (l’IgE, o l’immunoglobulina E, è un tipo di proteina che si accanisce contro uno specifico alimento). In alcuni casi, l’allergia alimentare può causare una malattia seria e la morte. E’ bene precisare sin d’ora che molte allergie alimentari, anche se non tutte, possono essere superate nel corso della vita. In altre parole, col tempo, si può sviluppare una “tolleranza” verso alimenti ai quali si era allergici in precedenza”
La prevalenza dell’allergia alimentare è più elevata nei primissimi anni di vita colpendo circa il 6% dei bambini con meno di tre anni di vita e diminuisce fino ai 10 anni di età. Quasi tutti i bambini che hanno l’allergia al latte vaccino la manifestano nel loro primo anno di vita. Gli stessi bambini riusciranno a bere di nuovo il latte nell’80% dei casi entro i 5 anni di età (tolleranza). Circa il 35% dei bambini con allergia al latte vaccino svilupperà altre allergie alimentari nel corso della vita.

Buone sono anche le possibilità di reintroduzione dell’uovo per i bambini allergici a tale alimento. Molto minori sono le possibilità di reintrodurre senza problemi l’arachide, la nocciola, i molluschi ed i pesci di mare per le persone allergiche a tali alimenti. La possibilità di sviluppare tolleranza verso gli alimenti ai quali si è allergici, inoltre, è progressivamente minore quanto più tardi, nel corso dell vita dell’individuo, si sia sviluppata l’allergia alimentare.

Malgrado la diversità della dieta umana sia enorme, gli alimenti responsabili della maggior parte delle allergie alimentari nel mondo sono relativamente pochi, per esempio, latte, uovo ed arachide sono responsabili della vasta maggioranza delle reazioni allergiche indotte da alimenti nei bambini mentre arachide, nocciola, pesce ed molluschi sono responsabili della maggior parte delle reazioni allergiche indotte da alimenti negli adulti.

I sintomi sia singoli che in gruppo e piu’ o meno gravi sono:

§ Gastrointestinali: sindrome orale allergica, anafilassi gastrointestinale, caratterizzata da prurito e bruciore della mucosa orale ed edema delle labbra immediatamente dopo l’ingestione di alimenti vegetali, oppureanafilassi gastrointestinale, rapida insorgenza di nausea, dolore addominale di tipo colico, vomito e diarrea;
§ Cutanee: orticaria, angioedema, rashes morbilliformi e flushing; Caratterizzato da prurito, bruciori e pomfi che variano considerevolmente per estensione e durata (orticaria)
§ Respiratorie: rinocongiuntivite acuta, broncospasmo (wheezing); Asma. E’ una manifestazione non comune di allergia alimentare, sebbene il broncospasmo acuto venga osservato di solito con altri sintomi indotti da alimenti
§ Generalizzate: schock anafilattico, richiede rapida opedalizzazzione , La maggior parte delle vittime sono adolescenti o giovani adulti sempre con storia di precedenti reazioni agli alimenti implicati (che di solito non avevano messo a rischio la vita) quasi tutte le vittime hanno asma, non avevano a disposizione dell’adrenalina autoiniettabile al momento della reazione e per finire l’arachide e la nocciola sono gli alimenti responsabili nella maggior parte dei casi (94%)

Per fortuna la reazione allergica ad alimenti, come detto prima non e’ poi cosi’ comune come si crede, invece, in molti casi, quando si ha una reazione spiacevole dopo aver mangiato, solo sulla base di un simile sospetto, una persona su tre crede erroneamente di avere un’allergia alimentare e modifica la sua dieta o quella della sua famiglia. E’ chiaro, quindi, che malgrado l’allergia alimentare sia spesso chiamata in causa, in realta’ si tratta di una reazione chiamata “intolleranza alimentare”. Il sistema immunitario non causa i sintomi dell’intolleranza alimentare ma, questi sintomi possono assomigliare, in modo leggero, a quelli dell’allergia alimentare.

Spero che questa scheda tecnica possa aiutare tutti a capire la differenza ad aiutare anche a livello professionale! Buon lavoro a tutti…..

*con spunti da un’articolo del Dr.Nicola Verna

Annunci


Categorie:by Susy Massetti

1 reply

  1. buonasera,
    vista la nuova normativa sto aggiornando i nostri menù e vorrei sapere dopo posso trovare le 14 icone rappresentanti le sostanze allergene, tipo quelle che avete pubblicato su questa pagina.
    In attesa di un vs. riscontro
    cordiali saluti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: