Implicazione sulla salute degli additivi alimentari


Implicazione sulla salute degli additivi alimentari

 

Molti consumatori hanno gravi dubbi sulla sicurezza del cibo che mangiano e dell’acqua che

bevono. In particolare sono preoccupati per i possibili effetti negativi degli additivi alimentari,

degli anticrittogamici e degli inquinanti.

Sono preoccupazioni fondate? Senza dubbio. Numerose prove confermano gli effetti negativi

di queste sostanze sulla nostra salute e sull’ambiente. Tuttavia, prima di analizzare i rischi

degli insetticidi e degli additivi alimentari, è il caso di ricordare che anche gli alimenti integri e

‘naturali’ contengono composti che negli studi su animali sono stati collegati al cancro. Che

differenza c’è fra queste sostanze naturali e gli additivi alimentari sintetici? In genere la

differenza sta nel fatto che l’alimento allo stato integrale fornisce anche un’ampia varietà di

composti protettivi, mentre di solito gli additivi alimentari vengono aggiunti ad alimenti di

scarsa qualità nutrizionale (il cosiddetto ‘cibo spazzatura’). Per esempio molte verdure di uso

comune (fra cui sedano, ravanelli e bietole) contengono nitrati in abbondanza.

Il problema, con i nitrati, è che nell’apparato digerente possono essere converti in nitriti, e poi

in composti cancerogeni, le nitrosamine.

Però la presenza contemporanea di altri composti, come la vitamina C, fa sì che questa

pericolosa conversione non si verifichi. Invece, i nitriti aggiunti alla carne affumicata vengono

convertiti facilmente in nitrosamine cancerogene. In più le carni lavorate sono ricche anche di

grassi saturi, di sale e di altri additivi alimentari.

Gli additivi alimentari vengono usati per prevenire le alterazioni dei cibi o per migliorarne il

sapore. Comprendono sostanze come conservanti, coloranti artificiali, aromi artificiali e

acidificanti. Anche se sono già stati messi al bando molti additivi alimentari sintetici, non tutti

quelli usati normalmente nel cibo che mangiamo sono sicuramente privi di rischi. In realtà

molti additivi alimentari sintetici tuttora in uso sono stati collegati a malattie e problemi

cronici come depressione, asma e altre allergie, iperattività o difficoltà di apprendimento nei

bambini ed emicranie.

La FDA (Food and Drug Administration: agenzia di controllo sui cibi e sui farmaci degli USA)

ha approvato l’uso di più di 2800 diversi additivi alimentari. Nel 1985 il consumo giornaliero pro

capite di questi additivi alimentari era di circa 13-15 gr. (Non esistono dati così precisi per la

situazione italiana, che però possiamo considerare, in generale, simile a quella degli Stati

Uniti).

Questa cifra, che è enorme, provoca molte domande. Quali sono gli additivi sicuri? Quali

vanno evitati? Un ‘estremista potrebbe dire che non esistono additivi sicuri. Tuttavia molti di

essi hanno una funzione importante nell’attuale industria alimentare. Molti composti approvati

come additivi sono di origine naturale e hanno proprietà salutari; altri sono composti sintetici

con proprietà cancerogene note. Evidentemente la strategia più sensata consiste nel

concentrarsi sui cibi integri e naturali ed evitare gli alimenti troppo lavorati.

L’ipotesi Feingold.

L’ipotesi che gli additivi alimentari possano provocare iperattività nei bambini è emersa dalle

ricerche del dottor Benjamin Feingold, ed è comunemente chiamata ‘l’ipotesi Feingold’.

Secondo B. Feingold molti bambini iperattivi (forse il 40-50%) sono sensibili ai coloranti e ai

conservanti alimentari artificiali, come pure ai salicilati e ai composti fenolici presenti

naturalmente nei cibi.

Le affermazioni di Feingold sono basate su un’esperienza di oltre 1200 casi, in cui gli additivi

alimentari sono stati collegati a problemi di apprendimento e di comportamento. Da quando

Feingold ha presentato i risultati della sua ricerca nel 1973, il ruolo degli additivi alimentari

nell’iperattività è stato intensamente dibattuto nella letteratura scientifica. Fino a ora,

comunque, gli scienziati si sono concentrati soltanto su dieci coloranti alimentari, rispetto ai

tremila additivi di cui si preoccupava Feingold.

A un primo colpo d’occhio, sembra che la maggior parte degli studi in doppio cieco messi a

punto per verificare questa ipotesi abbia dato risultati essenzialmente negativi. Però un esame

più attento di questi studi e un’ulteriore ricerca nella letteratura indicano che gli additivi

alimentari hanno effettivamente un ruolo importante nell’ iperattività. Questo contraddice

almeno in parte le conclusioni espresse nel rapporto presentato all’USA Nutrition Foundation

(Fondazione USA sulla Nutrizione) nel 1980. D’altra parte la Conferenza per l’accordo sulle

diete e l’iperattività infantile degli Istituti Nazionali della Sanità americani ha deciso di

riconsiderare la dieta di Feingold nel trattamento dell’iperattività infantile.

Questa riconsiderazione è dovuta in gran parte alle prove schiaccianti emerse in numerosi

studi e al fatto che, nonostante esistano gravi insufficienze negli studi negativi, circa il 50% dei

soggetti che hanno provato la dieta di Feingold in queste ricerche ha riscontrato un calo nei

sintomi di iperattività.

È interessante notare che mentre le ricerche USA sono state ampiamente negative, i rapporti

provenienti dall’Australia e dal Canada sono stati più incoraggianti.

Feingold ha dichiarato che esiste un conflitto di interessi da parte della Nutrition Foundation,

un’organizzazione finanziata dai grandi industriali alimentari (Coca Cola, Nabisco, GeneraI

Food, eccetera). Significativamente, è stata la Nutrition Foundation a finanziare la maggior

parte degli studi negativi.

Secondo Feingold, il conflitto di interessi è sorto perché queste compagnie soffrirebbero

economicamente se gli additivi alimentari venissero dichiarati pericolosi. Altri paesi hanno

limitato in modo significativo l’uso di additivi alimentari artificiali a causa dei loro rischi per la

salute.

Gli effetti dei singoli additivi alimentari vengono esaminati qui di seguito.

I coloranti

Il consumo complessivo annuale di coloranti alimentari negli Stati Uniti è di circa 50000

tonnellate per l’intera popolazione. Per legge, i coloranti alimentari devono essere certificati o

dichiarati esenti da certificazione. I coloranti alimentari esenti da certificazione sono soprattutto

quelli di origine naturale. Questo riflette la convinzione popolare che i composti naturali sono

più sicuri, e la convinzione sembra reggere all’analisi scientifica.

Uno dei coloranti alimentari più diffusi è la tartrazina, che viene aggiunta praticamente a tutti i

cibi confezionati e a molti medicinali, fra cui antistaminici, antibiotici, steroidi e sedativi. Negli

Stati Uniti il consumo quotidiano medio pro capite di coloranti certificati è di 15 mg, 1’85% dei

quali è tartrazina. Fra i bambini, in genere, il consumo è molto più elevato.

Anche se nella popolazione in genere le reazioni allergiche alla tartrazina sono molto rare,

diventano estremamente comuni (dal 20 al 50%) nei soggetti sensibili all’aspirina e in altri

soggetti allergici. Come l’aspirina, la tartrazina è un ben noto induttore di asma, orticaria e di

altri disturbi allergici, soprattutto nei bambino.

Inoltre la tartrazina, come il benzoato e l’aspirina, stimola la produzione di un composto che

aumenta il numero dei mastociti dell’organismo. I mastociti sono coinvolti nella produzione di

istamina e altre sostanze allergizzanti.

Un soggetto il cui organismo contiene più mastociti è più esposto alle allergie. Per esempio

l’esame dei pazienti che soffrono di orticaria, ha dimostrato che più del 95% mette in evidenza

un aumento dei mastociti.

Negli studi che usano test di provocazione per determinare la sensibilità alla tartrazina e ad

altri additivi alimentari nei pazienti con l’orticaria, sono state trovate reazioni positive nel 5-46%

dei soggetti.

Le diete che eliminano la tartrazina e altri additivi alimentari nei soggetti sensibili si sono

spesso rivelate di grande beneficio per i pazienti che soffrono di orticaria e di altri problemi

allergici come asma ed eczema.

È evidente che le persone che soffrono di problemi allergici dovrebbero eliminare dalla

loro dieta i coloranti artificiali.

I dolcificanti

I due principali dolcificanti artificiali di uso corrente sono la saccarina e l’aspartame.

Tutti e due sono fra gli additivi alimentari più discussi. I loro sostenitori affermano che i

(presunti) benefici forniti superano i rischi potenziali. La percezione è che questi dolcificanti

riducano le calorie totali consumate, con conseguente perdita o stabilizzazione del peso.

Sfortunatamente, questo non è vero. Studi molto attenti non hanno dimostrato che questi

dolcificanti riducano le calorie totali consumate o abbiano, comunque, un effetto significativo

sul peso corporeo. Alcuni studi suggeriscono che in realtà l’aspartame fa aumentare l’appetito.

Dal punto di vista negativo, quali sono i rischi associati con questi dolcificanti? La saccarina è

un cancerogeno ben noto (nei ratti). Questi effetti non sono stati registrati negli esseri umani,

ma la saccarina provoca il cancro nei ratti solo se viene somministrata per due generazioni.

Quindi può darsi che le generazioni future debbano pagare per la saccarina consumata da

questa generazione. Forse questo effetto sulle generazioni future fornirà, finalmente, la solida

evidenza richiesta dal Comitato USA per gli Affari Scientifici. Questo Comitato ha concluso che

“finché non esiste una solida evidenza della carcinogenicità della saccarina negli esseri umani,

questa deve continuare a essere disponibile come additivo alimentare. In Italia, come del resto

nella gran parte dell’Europa, l’uso della saccarina è consentito a scopi farmaceutici. Ciò non

vieta però il suo utilizzo in alcuni alimenti e bibite dietetiche. L’etichetta del prodotto deve

segnalarne la presenza avvertendo dell’inopportunità del consumo da parte di bambini e

donne in gravidanza.

Ma se la saccarina non offre benefici per la salute, come hanno dimostrato gli studi, e una

nube di dubbi è sospesa sulla questione della sua sicurezza, perché bisogna usarla?

L’aspartame è composto di acido aspartico, fenilalanina e metanolo. È stato approvato per usi

alimentari nel 1981, nonostante la raccomandazione di un gruppo di consulenti che non

venisse fornita alcuna approvazione finché non fosse possibile risolvere i problemi della

sicurezza. In Italia fa parte dei normali dolcificanti cosiddetti ‘dietetici’.

Richard Wurtman, un pioniere nello studio sui rapporti fra alimentazione e cervello, ha

avvertito che in base alle proprie ricerche estensive è convinto che l’aspartame influenzi in

modo significativo l’umore e il comportamento.

Wurtman e altri ricercatori hanno dimostrato che la somministrazione di aspartame agli esseri

umani, a livelli corrispondenti a un consumo elevato, può alterare la chimica cerebrale. In più,

altri ricercatori hanno suggerito che la porzione di metanolo contenuta nel dolcificante può

avere ulteriori effetti negativi.

Il metanolo è molto tossico; la quota di metanolo in un grammo di aspartame è di circa 100

mg. Un bambino che consumi 700 mg di aspartame supererebbe di almeno dieci volte la dose

massima quotidiana di metanolo raccomandata dall’Ente per la Protezione Ambientale degli

Stati Uniti.

L’effetto di un’ingestione a lungo termine di dosi subtossiche del metanolo presente

nell’aspartame non è ancora stato determinato.

Gli effetti dell’aspartame nel lungo periodo sono sconosciuti, ma alcuni soggetti sono

particolarmente sensibili all’aspartame e registrano reazioni immediate.

Fra i problemi associati all’uso dell’aspartame ci sono convulsioni, emicranie, orticaria e

disturbi nella funzionalità nervosa. L’aspartame è particolarmente problematico per alcuni

pazienti che soffrono di emicranie.

Di nuovo, ci si può chiedere, i benefici ipotetici superano i rischi? Dal momento che esistono

alcuni rischi associati con l’aspartame e nessun vantaggio comprovato, non è il caso di

raccomandarne l’uso.

Gli antiossidanti

Senza antiossidanti la maggior parte degli alimenti si altererebbe molto in fretta. I due

antiossidanti più usati sono l’idrossianisolo butilato (o butilidrossianisolo, BHA) e

l’idrossitoluene butilato (o butilidrossitoluene, BHT). Come la saccarina, questi additivi

alimentari hanno provocato il cancro nei ratti. Tuttavia altri studi suggeriscono che in realtà

questi antiossidanti proteggono dai tumori. Addirittura molti ‘esperti’ di longevità hanno

suggerito di assumére queste sostanze come supplementi alimentari, a dosi altissime (fino a 2

g il giorno). Alla luce di ricerche estensive questa raccomandazione è veramente poco saggia.

Questa dose è cento volte più alta del consumo stimato come accettabile di BHA, di BHT o

della loro somma, dal Comitato specialistico congiunto dell’organizzazione alimentare e agriculturale

delle Nazioni Unite e dall’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Inoltre supera di oltre cento volte il consumo considerato accettabile in relazione all’attività

inibitoria, e può realmente favorire il cancro. Il BHA e il BHT possono essere considerati

sicuri in piccole dosi, ma è probabile che in futuro verranno sostituiti da antiossidanti

naturali.

Annunci


Categorie:"Lo sapevate che...." by Daniel Evangelista

1 reply

  1. quali sono ..o meglio la marca di coloranti x pdz dec in generale x dolci torte ecc che si possono usare col minor rischio? grazie ….complimenti !!! spiegate bene , chiaro grazieeee

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: