Tortellini alla bolognese


Continuiamo con i piatti piu taroccati

20120123-204301.jpg

Tortellini alla bolognese
Da Bologna, un piatto simbolo della cucina italiana: gli autentici tortellini fatti in casa da cuocere, servire e gustare con un buon brodo di carne.

INGREDIENTI

per 4 persone
Per la pasta
300 g di farina 00 (doppio zero)
3 uova
Per il ripieno
100 g di Mortadella
100 g di prosciutto crudo
100 g di lonza di maiale
150 g di Parmigiano Reggiano grattugiato
1 uovo
25 g di burro
noce moscata q.b.
sale q.b.
2,5 litri di brodo di carne
PREPARAZIONE

1 ora e 30 minuti per la preparazione + 4 minuti per la cottura
Mettete la farina a fontana, aggiungete le uova ed impastate fino ad ottenere una pasta omogenea.
Fate riposare per 20 minuti coperto con un telo o pellicola per alimenti.

Intanto fate scaldare una padella a fuoco medio con il burro e quando sarà caldo unitevi la lonza di maiale tagliata a cubetti di 2 cm per lato.
Fate cuocere a fuoco basso per 10-15 minuti poi fate raffreddare.

Passare al tritacarne la mortadella, il prosciutto e la lonza.
Mettete questo trito di carni in una ciotola e, mescolandolo con cura, amalgamatelo con il Parmigiano-Reggiano e l’uovo.
Regolate di sale e profumate con la noce moscata grattugiata.

Tirate la pasta in una sfoglia sottile di un millimetro con il matterello o con l’aiuto dell’apposita macchina e, con la punta di un coltello, ritagliatela in quadri di circa 3cm di lato.
Ponete su ogni quadratino una piccola nocciola di ripieno, ripiegateli a triangolo e pigiate tutt’attorno i bordi con le dita.

Ripiegate l’angolo superiore del triangolo e chiudete i tortellini ad anello girandoli attorno al dito mignolo sovrapponendo i due angoli esterni.
Cuocete i tortellini nel brodo bollente per 4 minuti: togliete la pentola dal fuoco e fateli riposare qualche minuto prima di servirli col brodo.

STORIE NEL PIATTO

Il tortellino è uno dei simboli di Bologna, città nota in tutto il mondo per le sue specialità gastronomiche come la mortadella, il ragù alla bolognese e le tagliatelle.

Questo piatto, spesso inserito nel Menu di Natale, va servito e gustato rigorosamente in un buon brodo di carne o di cappone, per esaltarne il sapore.
Molto diffusi, ma non tradizionali, sono invece i tortellini conditi con la panna.

Per cui per gustarli come tradizione vuole, è necessario cuocerli e assaporarli in un ottimo brodo: benché fuori dall’Italia siano ampiamente conosciuti e apprezzati, sono spesso utilizzati in preparazioni a base di salse e sughi che non hanno niente a che vedere con l’arte gastronomica e la tradizione italiana.

Tratto dal sito Accademia Barilla

Annunci


Categorie:I grandi Tarocchi d'Italia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: