L’etica del cuoco




Complimenti alla cucina
L’etica del cuoco

L’etica del cuoco e’ quella di sposare i dubbi che la vita ci presenta, quotidianamente e non delle idee strutturate. In cucina, spesso, si “ascolta” il cuore.
Il cittadino delega alla politica di prendere le decisioni…per lo stato in cui vive; non spetta a lui.
Il cuoco raramente delega una decisione o una scelta che riguarda il suo “regno”…e’ la sua indole.
In cucina ci si arrabbia e ci si esalta e le emozioni passano ma la memoria resta…e io credo nell’ispirazione…

entusiasmarsi e’ dimostrare anche, se vuoi, ingenuità per un’occasione di eccitazione collettiva …un piatto che fa gioire il cliente e’ bello e da la carica.  E allo stesso modo quando ti ritorna (lo stesso piatto) dalla sala, intonso…Non c’è niente di più sano di qualcuno che ti distrugga le tue convinzioni e le tue certezze.. così tanto che alla fine sei costretto a voltare pagina, a cambiare!
Oggi le cose che per un cuoco (fino a qualche tempo fa) erano naturali (pensare ad un lavoro, progettare il Menu) oggi e’ diventato un esercizio necessario…per cui ogni mattina, bisognerebbe esercitarsi a credere, a immaginare, a sperimentare (così come si va in palestra perché nessuno, al giorno d’oggi fa più un lavoro fisico) A proposito di benessere, io sono un appassionato podista…quello che io spesso faccio consiste in un doppio allenamento, corpo e anima: faccio 1 h di corsa e penso per 1 h a come vorrei che fosse il Menu.
La cucina si vive intimamente…come una religione.
Di quale religione sono? Boh! …l’idea di racchiudere l’universo che ci circonda dentro ad una dottrina, a volte mi sembra così limitante e inadeguata da .. non credere che sia corretta..nonostante la mia estrazione cristiana oggi, non penso che un prete parli in nome di Dio più di quanto possa fare io o qualsiasi altro..rispetto la tradizione e i “significati” delle religioni ma tendo più a credere nell’incontro ideale di valori condivisi e condivisibili come la libertà ed il rispetto dell’altro essere umano.   Non esiste al mondo nessun potere, nessuna forza che possa trionfare sulla nostra vitalità e sul nostro amore.  Nessuno può scegliere il suo destino ma ognuno può dare un senso alla propria esistenza.
Un Cuoco ha la sua etica perché consapevole di fare un mestiere duro e complicato.
Bisogna mettercela tutta!

Annunci


Categorie:By Massimo Martina

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: