I Grandi Tarocchi: Spaghetti alla carbonara


Oggi iniziamo questa nuova rubrica i grandi tarocchi d’Italia

la cucina italiana e vittima di contraffazione un po da per tutto e non e strano vedere in giro piatti che si reputano italiani ma che con la nostra tradizione hanno poco a che fare o tremendamente modificati

allora qui  metteremo le ricette originali (Prese dal Database del Cucchiaio d’argento) di vari grandi classici Italiani

sotto nell area dei commenti possiamo divertirci a scrivere le varie versioni che i clienti chiedono o ci e capitato di vedere in giro per il mondo

una provocazione …….

iniziamo con uno dei piatti piu colpiti ….

Spaghetti alla carbonara
Regione :Lazio

dosi per 4
esecuzione facile
preparazione 30 min.
cottura 25 min.
calorie 859
vino Frascati Superiore

INGREDIENTI
500 g di spaghetti, 200 g di pancetta o Guanciale, 4 uova, 30 g di pecorino grattugiato, 1 spicchio d’aglio, olio, sale, pepe

PROCEDIMENTO
In un tegame, possibilmente di coccio, scaldate un cucchiaio d’olio, fatevi dorare lo spicchio d’aglio e poi eliminatelo, aggiungete la pancetta tagliata a dadini e quando avrà preso colore ritirate il tegame dal fuoco e tenete in caldo. In una zuppiera sbattete le uova con il pecorino grattugiato e abbondante pepe macinato al momento. Lessate gli spaghetti al dente, sgocciolateli, trasferiteli nel tegame della pancetta e ponetelo di nuovo sul fuoco. Lasciate scaldare un attimo il tutto e poi versate la pasta con il suo condimento nella zuppiera. Mescolate velocemente e servite.

PER SAPERNE DI PIÙ
CuriositàDiverse sono le storie all’origine del titolo del piatto. Quella più credibile si riferisce al modo di condire la pasta (uova, pancetta, pecorino) degli uomini che lavoravano sui monti laziali “facendo” carbone di legna. Durante l’occupazione tedesca i moltissimi romani che sfollarono sulle montagne impararono questo nuovo modo di condire e, una volta tornati in città, la moda dilagò. Quanto alla pancetta, si dovrebbe usare quella nota anche con il nome di “guanciale” perché ricavata, appunto, dalla guancia del suino, ma va bene anche quella detta “tesa” se magra. Non ammessa, invece, la pancetta affumicata.

Annunci


Categorie:I grandi Tarocchi d'Italia

7 replies

  1. Volete sapere la ricetta della carbonara nei ristoranti italiani qui a Stoccolma?

    Spagetti (scritto in questo modo), panna, bacon, piselli e rosso d`uovo crudo servito in meta`del suo guscio adagiato sulla pasta mantecata con panna, bacon e piselli……@@@@@@@@@
    Vergognoso!

  2. Mha…!
    Il Cuchiaio d’Argento e’ sicuramente un’opera su cui non ci si puo’ allontanare piu’ di tanto, con le sue basi tecniche e di arte della cucina.
    Ma non vorrei che si prendesse come la “Bibbia” della cucina stessa se non giusto per le sue basi.
    Sperimentando le varie forme della Carbonara in loco, per esempio, non ho mai visto usare l’aglio!
    Come “mai” ho visto il basilico sulla Amatriciana … e pur si usa in luoghi lontani da quelli di origine, anche se il nome che usano e’ “Matriciana”

  3. cari signori e colleghi, da tre anni collaboro con la camera di commercio tedesca tenendo dei corsi di cucina a tutti quei ristoratori italiani ormai trapiantati da generazioni che di italiano haime’ e’ rimasto solo il cognome,i miei corsi sono x la maggiore indirizzati a riportare i nostri piatti all’origine ,in quanto nel corso del tempo hanno subito vari cambiamenti , a seconda dello cheff di turno indiano polacco o albanese……………

  4. @ Emanuele con me apri una porta aperta
    @Sergio Maria sono d’accordo la cucina italiana e talmete legata al territorio che puo cambiare da Km a Km abbiamo pensato al Cucchiaio d’Argento perche ci sembrava una fonte abbastanza attendibile e accreditata poi il sapere assoluto se si parla di cucina e un dono che non ha nessuno

    @Alfredo Purtroppo quella che citi tu e una triste realta che sta colpendo il nostro territorio vuoi perche sempre meno giovani vogliono fare questo lavoro (sacrifici dice qualcosa)
    vuoi per i badget sempre piu risicati delle imprese ,e voi per il cambiamento dello stile di vita. Noi da parte nostra dobbiamo cercare di proteggere questo patrimonio che e la nostra cultura culinaria

  5. il cucciaoi d’argento e un classico della cucina italiana, come posso cotare ilCarnacina, il Pelaprat, tutti questi libri vanno rispettati,, secondo me il problema vero e quando ,per risparmiare, il proprietario assume personale dell’est europa, io dopo 12 anni a londra ne ho viste di cose, e lo stesso quando sono ritornato in italia,tuttui gli italiani credono di saper mangiare, l’ho visto con i miei occhi, cuoco indiano in un ristorante italiano, cucinava il pesce , che io avrei buttato nella spazzatura, i clienti gli facevano i complimenti, questo sito e interessante,, continuate, grazie mille

  6. Bella iniziativa, ma la domanda è: chi dice che il cucchiaio d’argento detiene il sapere assoluto sulla cucina? Io, proprio sulla carbonara non metterei le mani sul fuoco… questa che proponi è una delle tante versioni, nessuno, ripeto nessuno, sa quale è la ricetta vera unica e autentica di questa preparazione, ne da dove viene e tanto meno come è nata… Continua così che il tuo sito è bellissimo!
    SMT

  7. Il problema non sono i tarocchi, bisognerebbe attuare una legislazione ad hoc pre prevenire, partendo dalla professionalità del personale dei locali, altrimenti il fenomeno non lo si debella mai, è normale che se nelle cucine ci sono persone non qualificate cuochi x caso questo è il risultato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: