Cassata Siciliana: la sua storia


La Cassata Siciliana è forse il “piatto tipico”, il dolce, l’emblema, più riconosciuto e ricordato dai palati di tutto il mondo.
Le radici della cassata risalgono alla dominazione araba in Sicilia (IX-XI secolo).
Gli arabi avevano introdotto la canna da zucchero, il limone, il cedro, l’arancia amara, il mandarino, la mandorla.
Insieme alla ricotta, che si produceva in Sicilia dai tempi preistorici, erano così riuniti tutti gli ingredienti base della cassata, che all’inizio non era che un involucro di pasta frolla farcito di ricotta zuccherata e poi infornato.
Nel periodo normanno fu creata la pasta reale, un impasto di farina di mandorle e zucchero, che, colorato di verde con estratti di erbe, sostituì la pasta frolla come involucro.
Si passò così dalla cassata al forno a quella composta a freddo.
Gli spagnoli introdussero in Sicilia il cioccolato e il pan di Spagna. Durante il barocco si aggiungono infine i canditi.
Inizialmente la cassata era un prodotto della grande tradizione dolciaria delle monache siciliane ed era riservata al periodo pasquale.
Un documento ufficiale di un sinodo dei vescovi siciliani a Mazara del Vallo nel 1575 afferma che la cassata è “irrinunciabile durante le festività”.
Un proverbio siciliano recita “Tintu è cu nun mancia a cassata a matina ri pasqua” (“Meschino chi non mangia cassata la mattina di pasqua”).
La decorazione caratteristica della cassata siciliana con la zuccata fu introdotta nel 1873 (in occasione di una manifestazione che si tenne a Vienna) dal pasticcere palermitano cav. Salvatore Gulì, il quale aveva un laboratorio nel centralissimo corso Vittorio Emanuele a Palermo.

INGREDIENTI:

  • 1 pan di spagna da gr. 500;
  • gr. 500 di Pasta di mandorle
  • gr. 400 ricotta freschissima di pecora;
  • gr. 200 zucchero al velo;
  • gr. 200 di frutta candita ( arancia, ciliegie,cedro);
  • gr. 100 cioccolato fondente;
  • Rum;
  • Vaniglia in polvere;
  • gr. 200 zucchero semolato.

 

PROCEDIMENTO:

  1. Passa la ricotta al setaccio, fine, facendo cadere la purea in una tegame
  2. Mescola quest’ultima con lo zucchero,con il cioccolato ed un pizzico di vaniglia.
  3. Prendi una tortiera con i bordi alti, metti all’interno il pan di spagna tagliato a fette alternando pezzi di pasta di mandorla colorata (verde è il suo colore classico) e riempi gli spazi con il composto di ricotta.
  4. Copri, il tutto, con un disco di pan di spagna e mettila in frigo per qualche ora.
  5. Con lo zucchero semolato preparate la glassa; quando sarà pronta, spandila sulla torta.
  6. Ultimo tocco la guarnizione con la frutta candita secondo le proprie capacità “artistiche” e di originalità.

Fonte: CassataSiciliana.it

By Chef Festa Araújo

Annunci


Categorie:By Chef Italiani nel mondo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: